Web News

Nessun limite all’occhio di Google

L’occhio di Google non ha limiti. Dopo aver annunciato la mappatura dei canali di Venezia grazie al lavoro di un “trekker” armato di zaino con fotocamere a 360 gradi, il team di Google Maps ha presentato in questi giorni un’altra impresa apparentemente impossibile: la discesa in kayak delle rapide del fiume Colorado, esperienza che ora tutti gli utenti del servizio possono “rivivere” senza scomodarsi e rimanendo davanti al proprio PC. Anche il celebre Grand Canyon dunque entra nelle aree fotografate, mappate e visitabili tramite Street View.

Oltre a rendere virtualmente navigabili i 460 chilometri del fiume americano, spiega il vicepresidente dell’organizzazione American Rivers Chris Williams sul blog ufficiale di Google Maps, “Con questa iniziativa puntiamo ad aumentare la consapevolezza della necessità di proteggere e ripristinare il fiume Colorado“. Nel 2013 l’associazione ha infatti eletto il Colorado fiume più a rischio d’America, a causa di una gestione obsoleta delle risorse idriche, di uno sfruttamento eccessivo e della persistente siccità.

 

fonte: Matteo Vitali